domenica 22 settembre 2013

Sperimentazione animale, per Almo Nature la tua opinione è quella che conta!






Buonasera bellezze,
vorrei condividere con voi l'iniziativa promossa da Almo Nature, marchio specializzato nella produzione di alimenti naturali per cani e gatti, riguardante il dibattuto tema della sperimentazione animale. Per questo Almo Nature ha creato una sezione apposita nel suo blog in cui potrete trovare i diversi punti di vista di medici e esperti su questa tematica cara a molti e nel quale sarà possibile intervenire commentando e dando il proprio parere.
Ogni contributo, anche in contrasto con la linea di pensiero dell'azienda, verrà pubblicato. 

Vi lascio qualche info in merito:






Sperimentazione animale: un argomento molto dibattuto, che vede al suo interno schieramenti radicali, spesso inconciliabili. Sebbene Almo Nature sia ufficialmente schierata a  favore dei metodi alternativi nella ricerca scientifica, vuole dare la possibilità a tutti di dire la propria, di approfondire il tema e le sue inevitabili implicazioni etiche e, soprattutto, dove confrontare opinioni anche molto diverse tra loro.

Per questo è nata una sezione dedicata all’interno del blog di Almo Nature: Sperimentazione Animale: farsi un’idea, dove verranno raccolte tutte le voci (anche quelle in palese contrasto con la sua posizione) in modo da aiutare gli utenti a farsi un’idea chiara circa la sperimentazione animale.

Moltissimi gli interventi da parte di esperti, medici e voci autorevoli (ma ci sarà spazio anche ad interviste a religiosi di varia fede, per comprendere il fenomeno anche dal punto di vista culturale) che vanno a formare un calendario editoriale di altissimo interesse dove gli utenti possono partecipare attivamente commentando e dando la propria opinione. Di seguito alcuni dei pensieri espressi.

“Penso fermamente che sia giunta l'ora di rifiutare l'idea della necessità e dell'utilità della sperimentazione sugli animali, anzitutto perché la sperimentazione è fondata su un paradigma scientifico falso e fuorviante, sicché i suoi risultati sono fondamentalmente ascientifici Penso che dovrebbe bastare il dubbio sulla pseudo scientificità di una pratica per non giustificare comportamenti crudeli, che sarebbero da considerare immorali anche se fosse vero che la sperimentazione sugli animali è utile”
Prof. Valerio Pocar Già docente di Sociologia e di Sociologia del Diritto nelle Università di Messina, di Milano e Milano-Bicocca


“Anche i metodi sostitutivi che sono stati validati, di solito non diventano obbligatori, così chi è abituato a sperimentare sugli animali continua a farlo. Nonostante ciò, ad esempio il Test di Ames è da tempo utilizzato per valutare la potenzialità mutagena delle sostanze, con una affidabilità del 90%, ossia ben superiore rispetto ai test sugli animali. Gli anticorpi monoclonali si possono ottenere anche senza gli animali, ma per pigrizia mentale si continuano ad utilizzare i conigli, con enorme sofferenza per questi ultimi”

Dott. Stefano Cagno Dirigente Medico, disciplina Psichiatria, presso l'Azienda Ospedaliera "Ospedale Civile" di Vimercate


“Si è capito quanto la sperimentazione animale sia fuorviante. La sperimentazione su animali, anche geneticamente vicini a noi, può dare risultati molto diversi da quelli che darà sull'uomo. Considerando che le differenze genetiche significano anche un diverso metabolismo e diversa reattività, i risultati saranno sempre diversi, almeno dal punto di vista quantitativo. Cioè lo stesso farmaco è attivo sull’uomo in dosi diverse rispetto ad altri animali,  ma ciò lo si può sapere solo sperimentando sull’uomo. Da qui l'inutilità delle sperimentazioni su animali. La diversità, genetica e di risposte, è un fatto, non un’opinione!”

Prof. Bruno Fedi, Professore di urologia, già primario ospedaliero


“Che per affrontare l’argomento, con un atteggiamento costruttivo, è necessario abbandonare la contrapposizione tra favorevoli e contrari alla sperimentazione animale e affrontare il vero problema: si può oggi fare a meno della sperimentazione animale? E se ancora non è possibile, come fare perché questo sia possibile in futuro?”

Dott. Massenzio Fornasier - Presidente SIVAL


“Combattere oggi la sperimentazione animale significa difendere gli animali, ma anche e soprattutto mettere in discussione una visione meccanicistica della medicina, un approccio errato alla salute ed il grande business dei profitti che si fanno oggi sulla nostra pelle”.

Prof. Gianni Tamino già docente di Biologia Università degli Studi di Padova


Qualche info su Almo Nature:
fondata nel 2000 dall'imprenditore Pier Giovanni Capellino, Almo Nature è stata la prima azienda al mondo a lanciare sul mercato alimenti per animale naturali, privi di additivi, con ingredienti selezionati, puri e cruelty free!



Conosco da vicino Almo Nature perché l'acquisto per le mie due micette e per tutti gli ospiti pelosi che passano in cerca di cibo: ottima qualità  unito al rispetto per gli animali che si traduce anche in risultati visibili: salute, forza, bellezza e lucentezza del pelo.

Se volete dare un'occhiata al blog e nell'eventualità lasciare un contributo dando la vostra opinione:




Un bacio,
B!girl





Ringrazio Marco Aspesi per il comunicato stampa.

6 commenti:

Laura C. ha detto...

mi piace questa iniziativa;) ciao cara buona domenica!!!!!^_^

Silvia Vettori ha detto...

conosco bene questa iniziativa oltre a vederla come spot alla tv,anche io a volte uso le crocchette per la mia cucciola...
direi che è un'iniziativa utile andro' volentieri a visitare il blog!

Meggy Fri ha detto...

Un'iniziativa importante e che va diffusa...sensibilizzare il web con queste tematiche trovo che sia fondamentale e la possibilità di dire la propria potrebbe dare a tutti un bello spunto di riflessione! Un bacio grande e buona cena

Silvia. ha detto...

qualche volta si sentono cose decenti e degne di importante sul web o alla tv. sono felice per questa iniziativa, amo gli animali e sono per il loro bene e tutela. bacio

Sara Di Carlo ha detto...

Bella iniziativa :)
Anche la mia Chanel l'adora questa marca :)

The Lunch Girls

b!girl ha detto...

Grazie a tutte per il vostro contributo :)

Posta un commento